Vite rossa

vite rossa

Nome scientifico: Vitis vinifera – Famiglia: Vitacee

La Vite rossa (o Vite comune o Vite da vino o Vite euroasiatica) è una delle piante più conosciute ed apprezzate dall’uomo.
E’ un arbusto rampicante; il suo fusto è contorto, ramificato, avvolto dal ritidoma; le foglie sono semplici, distiche e alterne; i fiori riuniti formano un’infiorescenza detta grappolo composto; i frutti sono bacche (acini) con polpa dolce e gustosa.
La Vite rossa viene coltivata in tutti i Paesi temperati ed il suo frutto, l’uva, è dissetante, rinfrescante e contiene zuccheri e vitamine.
L’uva compare in Europa verso la fine del Terziario, ma la sua utilizzazione risale al Neolitico (nell’Europa mediterranea veniva coltivata per produrre uve da vino, mentre nell’Europa caucasica per la produzione di uva da tavola).
Scritture sumeriche risalenti alla prima metà del III millennio a.C. testimoniano che la vite veniva già allora coltivata per produrre vino.
Le parti utilizzate sono le foglie e i frutti. Le foglie vengono raccolte in primavera e ad inizio estate, i frutti in autunno. Le foglie si conservano per lo più fresche, ma si possono conservare in sacchetti dopo averle essiccate al sole. I frutti, oltre che per il consumo sulla tavola o per la vinificazione, si possono conservare facendo appassire i grappoli appesi in un posto ventilato e all’ombra e mantenendoli così fino al momento di consumarli.

Proprietà terapeutiche della Vite rossa:
Antinfiammatorie, antiossidanti, astringenti, depurative, toniche, vasoprotettrici.

Uso interno:
Dall’uva si ottengono vini che, assunti in piccole quantità, sono stimolanti, rinvigorenti, tonici e diuretici. L’aceto di vino è un ottimo aromatizzante ed il suo odore intenso stimola i centri nervosi e favorisce la ripresa dei sensi in chi ha perso conoscenza.
Le foglie hanno proprietà astringenti e sono adatte per combattere i disturbi della circolazione, delle vene varicose, delle emorroidi, delle mestruazioni abbondanti, della couperose, delle ritenzioni di liquidi e della cellulite.
I viticci sono reputati ottimo depurativo del sangue, adatto a sofferenti di gotta e artrosi.
Il succo che cola a primavera dalle ferite della potatura è ritenuto dai contadini il migliore dei colliri.

Uso esterno:
Le foglie della Vite rossa sono utili nella cura dei geloni e dei vasi sanguigni superficiali dilatati.