Mieli curativi, ecco i più rari e pregiati utili alla nostra salute

Mieli curativi

Il consumo di mieli curativi, alimenti che possiedono proprietà benefiche per il nostro organismo, è stato adottato da molte persone che amano uno stile di vita naturale.

Il miele, prodotto naturale per eccellenza, è sempre di più rivalutato dal mondo scientifico per le sue proprietà dietetiche ed anche terapeutiche, probabilmente non ancora bene conosciute.
Molti sono i tipi di miele, come quelli di abete, acacia, arancio, biancospino, castagno, eucalipto, tiglio, timo, ecc.; ognuno di questi ha effetti terapeutici diversi. I più pregiati e apprezzati sono senz’altro il Miele di Manuka ed il Miele di Ulmo, dei quali abbiamo già parlato.

Presentiamo alcuni mieli curativi, forse meno conosciuti e non semplici da reperire, ma che possiedono importanti qualità terapeutiche naturali.

Miele di Grano saraceno.
Si presenta di colore scuro e dal sapore intenso, tendente all’amarognolo; nonostante  il  nome, il grano saraceno non appartiene alle Famiglia delle Graminacee, ma alle Poligonacee, per cui è privo di glutine ed è adatto ai celiaci ed agli allergici alle graminacee.
È ricco di rutina (un glicoside flavonoico), acido linoleico (acido grasso essenziale appartenente al gruppo degli Omega 6), vitamine (B1, B2, B3, B5, C, E, P), minerali (cromo, ferro, fosforo, iodio, rame, magnesio, manganese, zinco), zuccheri (fruttosio, glucosio, saccarosio), amminoaidi, enzimi e polifenoli.

E’ uno dei mieli curativi più efficaci e possiede enormi proprietà antiossidanti e cardiovasoprotettori (per la presenza di rutina e magnesio), per cui previene malattie degenerative ed anche tumori. Il consumo di miele di grano saraceno porta benefìci anche nei pazienti con allergie, anemia, aterosclerosi, colite, ipercolesterolemia. 

Miele di Trifoglio bianco.
E un miele molto diffuso in Nuova Zelanda. E’ di colore chiaro, ha un profumo delicato e florale ed un sapore dolce.
Possiede proprietà antisettiche, depurative, diuretiche e immunizzanti; fortifica il calcio nelle ossa ed è utile per trattare le forme di acne legate all’apparato ormonale.

Miele di Lavanda selvatica.
Tra i mieli curativi troviamo anche quello di lavanda selvatica, coltivato in Provenza (Francia), che si presenta cremoso e molto profumato. È utile per coloro che soffrono di affaticamento e stanchezza cronica mentale e fisica, emicrania, insonnia.     

Miele di Rosmarino.
E’ delicatamente aromatico, dotato di importanti proprietà antinfiammatorie, antisettiche, colagoghe e coleretiche. È raccomandato per chi ha problemi di fegato e affezioni  respiratorie; è molto utile anche per il mal di gola.

Miele di Rododendro.
Un altro importante tra i mieli curativi è quello di Rododendro, un miele di montagna difficile da produrre per via delle condizioni climatiche di alta quota. E’ molto ricercato, raro e pregiato perché incontaminato. E’ considerato uno dei tre mieli dei Presìdi di Slow Food, che tutelano dal degrado e dalla contaminazione i prodotti di piccola produzione. Gli altri due sono il miele di melata d’abete ed i millefiori di alta montagna.
Ha un colore chiaro ed un profumo leggero, tipico per il gusto fine ed elegante. Ha proprietà ricostituenti e depurative, oltre che calmanti e antiartritiche.

Lascia un commento

*